Bangkok - grattacieli, contrasti e iguane


Quest'anno, tra marzo e aprile, sono stato in tournée in Asia con la mia pianista, Valentina Vargiu (Duo Aspera). Abbiamo visitato e ci siamo esibiti in 8 paesi in 4 settimane: Thailandia, Vietnam, Indonesia, Malesia, Cambogia, Giappone, Corea del Sud e Cina. Nelle prossime settimane i miei post sul blog saranno dedicati a questa travolgente esperienza intrecciata con alcuni suggerimenti, consigli ed errori che ho fatto che si possono facilmente evitare. Quindi iniziamo con la prima città che abbiamo visitato, Bangkok.

Era la prima volta che prendevo un volo intercontinentale e il giorno della partenza sembrava surreale, continuavo a pensare: "Sto davvero facendo questo? Sto davvero andando in Thailandia?" Questi pensieri si fermarono solo quando ero sull'aereo. Abbiamo volato a Bangkok da Vienna con Thai Airways. Il prezzo era ragionevole (380 euro andata), ma vi assicuro che è stato il miglior volo che abbia mai preso vita mia! I posti erano comodi con molto spazio tra loro, il cibo era ottimo, la scelta di intrattenimento era enorme, gli assistenti di volo erano super accoglienti e cortesi, e il bagno era pulito e aveva anche un profumo per l'uso dei passeggeri. La parte migliore era che il volo non era pieno, quindi potevi sdraiarti su tre posti e dormire fino a Bangkok, un volo di 10 ore.

Quando abbiamo messo piede fuori dall'aereo alle 5 di mattina ora locale, la differenza tra Vienna e la nostra destinazione era più che evidente - "Il CALDO!! L'UMIDITÀ !! ". Siamo andati al controllo passaporti. Inutile dirlo, ma è meglio ricordarlo, informatevi sui requisiti di ingresso nel paese di destinazione e se avete bisogno di un visto o no! Come cittadina italiana Valentina aveva bisogno solo del suo passaporto, ha ricevuto un timbro e ha attraversato. Come cittadino rumeno, avevo bisogno di un visto, che, per fortuna, poteva essere fatto all'arrivo. Quindi ecco i primi consigli:

Suggerimento n. 1: controllate con largo anticipo i requisiti di ammissione per il paese di destinazione. Normalmente il sito web del Ministero degli Affari Esteri del vostro paese ha una pagina dedicata. Se avete bisogno di un visto, assicuratevi di richiederlo con largo anticipo. Se avete solo bisogno di compilare un modulo e portarlo con voi, fattelo. È molto probabile che non troverete facilmente il modulo necessario all'arrivo a destinazione. Portate anche alcune fototessere per ogni eventualità, potreste averne bisogno.

Suggerimento 2: portate con voidei soldi. Il visto costa circa 2000 Baht thailandesi (circa 50 euro) e bisogna pagarlo subito, non sono accettate carte. Quindi portare con voi circa 100 euro, ci sono uffici di cambio valuta ma nessun bancomat.

Ecco la storia dietro il secondo suggerimento: non sono riuscito a prelevare dei soldi prima di lasciare Vienna pensando che un aeroporto internazionale come quello a Bangkok fosse pieno di bancomat. Pertanto, avevo solo circa 40 euro con me. Quando mi è stato detto che c'era un bancomat al secondo piano dell'aeroporto e ho ricevuto 3 diverse indicazioni da 3 diverse persone che lavoravano all'aeroporto su dove si trovava, ho deciso di raggiungere Valentina prima di passare i controlli e farmi prestare 50 euro da lei.

Era già con i bagagli ad aspettarmi, mentre io non avevo nemmeno avviato la procedura per il visto ... Ovviamente, non mi è stato permesso di entrare nell'area di ritiro bagagli senza visto, così la donna dello staff di sicurezza ha deciso di aiutarmi e andò a cercare Valentina per dirle che avevo bisogno del suo aiuto. Soluzione trovata, tutto doveva essere sistemato... ma la donna della sicurezza andò in giro a dire a ogni donna dall'aspetto europeo che vide che suo marito la stava cercando! Quando 5 di loro le hanno detto con facce confuse che non avevano idea di chi fossi, lei mi ha lasciato passare, trattenendo il mio passaporto con lei.

Missione compiuta, ho preso i soldi, ho cambiato gli euro in Thai Baht e sono andato a prendere il visto. La coda è stata così lunga che il monitor accanto a me diceva "60 minuti fino al tuo turno". Fortunatamente, una donna mi si avvicinò e disse che se avessi tutti i documenti necessari, i soldi e il modulo di domanda potrei andare sulla linea veloce con un extra di 5 euro. L'ho fatto e in 20 minuti ho avuto il visto e stavo uscendo dall'aeroporto.

Le due file erano esattamente così!

Fuori dall'aeroporto l'aria, alle 6 del mattino, era ancora più calda e umida! Siamo andati alla zona dei taxi e abbiamo preso un biglietto con il numero del nostro autista. Sfortunatamente, non parlava una parola di inglese e la macchina era troppo piccola, quindi non potevamo spiegargli dove dovevamo andare. Il secondo tassista parlava un po' più inglese del primo, quindi siamo saliti. Ecco i prossimi consigli:

Suggerimento n. 3: prima di andare in un paese, fattevi un'idea del tempo lì. Io ho usato Accuweather, che è stato abbastanza utile per capire come sarebbero state le temperature nelle prossime 3 settimane.

Suggerimento n. 4: preparate 10 euro in più nel caso in cui ci sia una lunga fila per il processo di visto. Vale assolutamente la pena di saltare la lunga fila.

Suggerimento n. 5: stampate il nome del vostro hotel e l'indirizzo in cui dovete andare (o basterebbe averlo sul vostro smartphone). In questo modo l'autista saprà dove portarvi nel caso in cui non capisca molto bene l'inglese.

Il viaggio in albergo è durato circa un'ora e mezza, ma il taxi era piuttosto economico (circa 20 euro). Sulla strada per l'hotel ho potuto vedere quanto fosse vasta la città. Aree con grattacieli sarebbero uscite dallo smog e poi scomparirebbero di nuovo non appena l'auto sarebbe passata in un'altra zona. Il traffico era folle e si poteva vedere l'inquinamento atmosferico e sentire il suo tocco sulla pelle. Siamo arrivati ​​in hotel e appena abbiamo fatto il check-in sono andato sul tetto per fare una foto della città dall'alto.

La prossima cosa da fare era dormire e far fronte al jet lag, cercando di adattarsi al nuovo fuso orario. Ecco un utile articolo su come affrontare i jetlag.

La sera siamo andati a mangiare cibo locale in un ristorante molto carino chiamato Mango Tree, con un ottimo Pad Thai e altri piatti locali. Il ristorante aveva anche un gruppo di musicisti che suonavano musica tradizionale tailandese su strumenti tradizionali. Un'atmosfera magica. Di notte, le strade di Bangkok si animano con stand gastronomici, feste, persone e molte sale massaggi.

I nostri due concerti erano in due diversi quartieri di Bangkok. Il primo era presso una scuola internazionale cinese-thailandese e il secondo presso l'Assumption University. Ecco alcune foto della tournèe.

Una delle sere, abbiamo deciso di andare a vedere un tempio buddista che sembrava non lontano e sicuramente una distanza percorribile a piedi dall'hotel. Cattiva idea. Quello che potrebbe sembrare vicino a città come Vienna, Roma o Milano è una lunga strada a Bangkok. Per caso siamo "inciampati" in un altro tempio buddista non lontano da dove siamo finiti a passeggiare. A questo punto, la serata non è andata poi così male.

Suggerimento 6: quando andate in giro per Bangkok prendete sempre un taxi. È economico, molto più facile da raggiungere dove vi serve e vi fa risparmiare un sacco di tempo a girovagare.

L'ultimo giorno a Bangkok siamo andati fuori dall'hotel e abbiamo deciso di dare un'occhiata al parco nelle vicinanze, Lumpini Park, prima di partire per l'aeroporto. Era impossibile attraversare la strada per il parco a causa del traffico intenso. Dopo aver aspettato per 10 minuti sul marciapiede, Valentina ha detto "Ok, ora guarda come si fa." Andò avanti con una mano tesa mostrando "stop" alle macchine e siamo riusciti ad attraversare. Consideratelo un suggerimento per attraversare la strada a Bangkok ;)

Al parco l'aria si sentì improvvisamente più fresca grazie al lago e agli alberi. Non c'erano molte persone in giro quindi è stato abbastanza rilassante. Il lago ospitava anatre, cigni e una strana testa di rettile che galleggiava leggermente sopra l'acqua. All'inizio pensavo fosse un serpente, ma poi la testa si è spostata verso la riva, un'iguana di 3 metri è uscita dall'acqua!

Mentre uscivamo dal parco, guardavo gli alti edifici vicini e non mi ero accorto che qualcosa si stava muovendo di fronte a me. Quando ho guardato in basso ho saltato e urlato, era un'altra iguana proprio sotto di me! Valentina è stata sorpresa, ma si è spaventata del mio salto piuttosto che dell'iguana e l'istante dopo lei era piegata in due dalle risate.

Suggerimento 7: aspettatevi che gli animali esotici camminino liberamente nei parchi e non facciate "birdwatching" come me con le iguane che camminano intorno

Suggerimento 8: chiamate il taxi per andare in aeroporto con largo anticipo in quanto ci vuole più di un'ora per andare da una parte all'altra della città

Bangkok è davvero una città magnifica destinata a diventare una metropoli con il suo enorme traffico, alti grattacieli, numerosi parchi e caos, ma con ottimo cibo e persone davvero gentili, amichevoli e simpatiche. Mi ha lasciato con la volontà di tornare per un soggiorno più lungo. Ciò che rimane nella mia memoria è l'immagine dei due estremi, dei ricchi e dei poveri, che vivevano nello stesso luogo nello stesso momento. Camminando per la città si potevano trovare alti grattacieli e ricchi edifici in alto e in basso poveri che tagliavano carne, vendevano cibo fritto, intere famiglie che vivevano per le strade, tutto condito dall'odore speziato portato dalla brezza leggera, un paradosso.

Il prossimo post riguarderà il Vietnam, una destinazione da non perdere.

#voli #thailandia #bangkok #viaggi #cibo #parco #iguana #musica #visita

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
No tags yet.
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2020 by Ghenadie Rotari

  • Facebook App Icon
  • YouTube Classic
  • Instagram
  • SoundCloud Classic
  • Twitter Classic